La 21^ giornata del campionato di serie D ha emesso il suo verdetto: la corsa per la vittoria finale è diventata un gioco a due tra Potenza e Cavese, entrambe vittoriose domenica scorsa mentre si allontanano ancora dalla vetta le altre due inseguitrici, Cerignola e Altamura, entrambe sconfitte in trasferta.

Il Potenza è ormai abbonato alle rimonte, quarta consecutiva, che se da un lato esaltano la tifoseria e lo spirito di un gruppo, sempre più consapevole di essere forte, dall’altro, oltre a evidenziare un netto calo di tenuta nella fase difensiva, costringe la squadra a uno stress psicofisico non da poco che a lungo andare potrebbe minare la condizione atletica dei calciatori. Chissà se l’infortunio a França non sia figlio proprio di questa tensione che ormai da quattro partite comprime i nervi del Potenza, sempre costretto a inseguire gli avversari. Per fortuna la panchina è lunga e di qualità, e se ne avuta ancora la prova a Manfredonia con un’altra prestazione gagliarda, in evidenza Giuseppe Siclari che ha dimostrato tutta la sua bravura con una rete, un assist e una traversa da cui è scaturito il gol vittoria E’ stato curioso vedere il numero 11 rossoblu che dopo il gol di Guadalupi è rimasto per qualche secondo fermo a guardarsi intorno, con la paura di essere finito in fuorigioco, aspettando la decisione dell’arbitro prima di esultare e andare ad abbracciare il compagno in lacrime per il suo primo gol in campionato.

Dietro al Potenza troviamo una Cavese decisa a non mollare fino alla fine. La difesa degli aquilotti è la loro arma vincente, 16 gol subiti, 13 partite in cui non hanno preso gol, e così sono bastate “soltanto” 36 reti (terzo attacco del campionato) per ritrovarsi ancora in corsa per la vittoria finale. 

Seguono Cerignola e Altamura. Le due squadre pugliesi stanno perdendo colpi, sono ormai 5 le sconfitte in campionato per entrambe e i punti di distacco dalla vetta salgono rispettivamente a 10 e 11. Il Cerignola è in un momento decisamente no, tre sconfitte consecutive e solo 4 punti nelle ultime 5 gare. Per l’Altamura, invece, dopo aver perso lo scontro diretto con la Cavese non resta che battere il Potenza nella gara casalinga di domenica prossima per continuare a sperare nel miracolo, visto che deve anche recuperare la gara interna col Gravina.

Nel gruppo play-off, un Taranto in pompa magna, 5 vittorie nelle ultime 5 gare, ha agganciato l’Altamura e si prepara per un rush finale in grande stile sapendo di non avere più nulla da perdere. I ragazzi  di Cazzarò stanno vivendo uno splendido periodo di forma, rinati dopo la sconfitta col Potenza, capaci anche di rimontare e vincere gare complicate come quella con la Sarnese e con il Cerignola.

Ottimo momento anche per Gravina, AZ Picerno e Nardò che seguono a ruota il gruppo play off. I lucani hanno messo a segno la loro terza vittoria consecutiva e quinto risultato utile nelle ultime cinque gare; domenica prossima dovranno vedersela proprio con il Nardò, al loro 10° risultato utile, in una gara che sicuramente regalerà molte emozioni ai tifosi.

In coda sono state risucchiate in zona play out il Francavilla e il San Severo, sconfitte entrambe nell’ultimo turno, mentre rompe il digiuno di 11 giornate senza punti lo Sporting Molfetta che è riuscito a impattare in casa con la Sarnese portandosi a 10 punti, a 2 lunghezze dal Manfredonia e a 4 da Aversa e Frattese.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy