Il viaggio del Potenza verso la serie C subisce un brutto stop in quel di Francavilla. Secondo derby lucano lontano dal Viviani e seconda sconfitta, entrambe arrivate dopo 13 risultati utili consecutivi. Che dire, sarà che il 13 è foriero di cattivi presagi, sarà che i derby i ragazzi di Ragno proprio non riescono ad affrontarli con serenità, sarà la “sfiga”, sarà la legge dei grandi numeri o la bravura delle altre, fatto sta che la Cavese si è avvicinata di 3 punti.

Si sa che certi viaggi sono costellati da insidie, pericoli ed imprevisti ad ogni curva; anche quando sembra che la strada sia diritta e tranquilla ti si può parare davanti un ostacolo quando meno te lo aspetti, che ti rallenta, che ti fa fare una deviazione o, come in questo caso, che ti fa bucare e fermare a riparare il guasto.

A Francavilla è arrivata la prima sconfitta del girone di ritorno che il Potenza aveva più volte sfiorato, come a Manfredonia, dove, sotto di due gol, è riuscito a recuperare e ad acciuffare la vittoria nei minuti finali, o a Cerignola, dove França ha messo una pezza in piena zona Cesarini, o ancora contro la Sarnese, grazie sempre al solito brasiliano che ha regalato i tre punti ai rossoblu sul finire della gara.

Vabbè, una sconfitta ci può anche stare in una domenica dove la praticabilità dei campi era ridotta al minimo sindacale, come a Nardò, dove la Cavese è riuscita ad avere ragione dei padroni di casa con un gran gol dalla distanza di Manzo, unico modo per sbloccare il risultato su un campo che in alcuni punti ricordava quello della sfida tra scapoli e ammogliati di fantozziana memoria.

Ma guardiamo il lato positivo, per prima cosa per poter battere il Potenza bisogna fare almeno tre gol, e non è cosa da tutti, poi la voglia di provarci non è mancata nemmeno al 96° quando França ha messo il suo personale sigillo alla gara che, se non è servito a molto per il risultato finale, almeno ha dimostrato ancora una volta che il Potenza è una squadra che non si arrende mai, e poi è servito a tenere a distanza Volpicelli nella classifica dei cannonieri. 
Infine ricordiamo che i punti di distanza dalla seconda rimangono pur sempre cinque e le gare da giocare sono soltanto 6, perciò calma e gesso, come dicono i giocatori di biliardo, cambiamo la ruota bucata e riprendiamo il viaggio, che giovedì si torna in campo.

Altamura-Potenza. La prima sfida

1979/80. Il Potenza vs Igea

Il Video

La Nostra Storia

La Storia del Potenza Calcio

Lo Stadio

La Storia dello Stadio Viviani

Le Maglie

Le maglie del Potenza

Stemmi e Gagliardetti

Gli stemmi del Potenza

Le Ultime stagioni del Potenza S.C.

Potenza S.C.

Stagione 1978/79

Gran bel torneo per il Rende che vince a sorpresa, ma meritatamente, il girone con una squadra solida e ben assortita in cui spiccano elementi come lo stopper Ipsaro Passione (sarà protagonista con la maglia dell'Avellino in annate successive a questa) e il bomber De Brasi
Vai alla stagione

San Donato Tavarnelle vs Potenza

Il Potenza divora il Picerno

ULTIMI ARTICOLI

Nardò - Potenza: Formazione titolare

Formazione del Potenza: Mazzoleni, Russo, Panico, Sicignano, Bertolo, Esposito, Schisciano, Guaita, França, Pepe, Siclari
A disposizione: Breza, Diop, Di Senso, Vaccaro, Ungaro, Manno, Coppola, Coccia, Guadalupi

Sostituzioni:
13° Ungaro per Bertolo - 59° Coccia per Guaita - 65° Guadalupi per Pepe - 70° Coppola per Esposito, 76° Di Senso per Siclari

Miglior attacco
Potenza 77
Cavese 63
Taranto 58
Miglior difesa
Potenza 25
Cavese 30
Nardò 32
Peggior Attacco
Frattese 25
Aversa Normanna - San Severo 28
Gragnano - S. Severo 30
Peggior Difesa
S. Molfetta 80
Manfredonia - 69
Francavilla 61

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy