Due gol, un assist e Murano fa di nuovo scoppiare il "virus" del tifo nei supporters rossoblu. Grande prestazione di tutta la squadra in una partita non facile, non bellissima, ma condotta in maniera determinata e con grande personalità; il magnifico gol di Ricci nel finale “corona” una condotta di gara da squadra di vertice.

Il Potenza arriva a Viterbo con una formazione molto equilibrata, Ioime tra i pali, la collaudata difesa a tre con Sales, Giosa ed Emerson, un centrocampo di qualità e quantità con Silvestri e Coppola a interdire, D’Angelo in cabina di regia e Ricci e Coccia a supporti dello sgusciante Golfo e del caterpillar Murano.

Il Viterbo espone i suoi gioielli Tounkara, Negro e Bensaja e con un Pini tra i pali che, nonostante i tre gol subiti, è stato uno dei migliori dei suoi.

Il primo squillo arriva al 7° minuto ed è dei padroni di casa con Tounkara che non colpisce con la giusta forza una palla ben scodellata in area. La partita non è molto spettacolare, il pressing delle due squadre costringe spesso a lanci lunghi che non portano quasi mai a nulla.

Al 16° il Potenza passa. Azione sulla fascia destra, Ricci serve uno scatenato Coccia che supera in velocità un difensore e mette in mezzo per Murano, l’attaccante rossoblu si avventa sul pallone come un falco, anticipando tutti e, con un tiro in torsione, insacca in diagonale alla destra di Pini.

Il Potenza col passare dei minuti prende in mano le redini della gara. In un primo tempo abbastanza confuso, con tanti rimpalli, poco gioco, pochi fraseggi, i rossoblu controllano tranquillamente la partita.

Alla mezz’ora è Golfo a rendersi pericoloso con un tiro da poco fuori area che però non trova lo specchio della porta. Il primo tempo scivola via senza troppi sussulti, al 31° entra per la Viterbese Simonelli ed esce Bianchi e, a parte un colpo di testa di Murano, ribattuto, non succede più nulla.

La ripresa si apre con tre cambi nei padroni di casa, Urso e Volpe al posto di Molinaro e Bunino e subito dopo è costretto a uscire Besea per infortunio, al suo posto Antezza. Ma è il Potenza anda andare di nuovo in gol al 51°. Ricci ruba palla a Urso che lo stende in area, rigore nettissimo.

Sul dischetto ci va Murano. La maledizione degli 11 metri questa volta agisce solo a metà. Pini intuisce il tiro centrale, ma la sua ribattuta finisce di nuovo sui piedi di Murano che la scaraventa in gol.

Il Potenza va vicino alla terza marcatura al 66° con un colpo di testa di Silvestri. ma Pini, con un gran balzo, riesce a deviare in angolo il pallone, parata resa ancora più complicata dalla deviazione sottoporta di un difensore.

La partita ha un nuovo scossone al 76°. Quando tutti sembrano convinti che la Viterbese sia ormai alle corde, un maldestro retropassaggio di testa di Emerson finisce per servire Volpe che supera Ioime e mette dentro la palla del 2 a 1, riaprendo così una gara che sembrava ormai chiusa da tempo.

Ma il Potenza di oggi, nonostante il carnevale, non è in vena di subire di nuovo brutti scherzi. All’80° Ricci, servito di testa da Murano, lascia partire una fiondata dai 20 metri che non lascia nessuna speranza a Pini. 3 a 1.

E’ la parola fine a una partita che il Potenza ha condotto con grande autorevolezza e che ha meritato di vincere.

C’è solo il tempo di assistere all’espulsione di Tounkara, per brutto fallo su Ioime, e per la passeralla finale per Murano e Ricci, senza dubbio i migliori di giornata, sostituiti da Ferri Marini e Dettori.

Il Potenza torna finalmente alla vittoria dopo tre giornate di stenti e privazioni, e lo fa imponendo il suo gioco e segnando tanti gol. Il Potenza "malato" delle scorse domeniche sembra essere tornato in buona salute... per ogni malanno esiste una cura!

 

Le vittorie a tavolino del Potenza

La maglia storica del Potenza

La prima vittoria del Potenza in B

La Nostra Storia

La Storia del Potenza Calcio

Lo Stadio

La Storia dello Stadio Viviani

Le Maglie

Le maglie del Potenza

Stemmi e Gagliardetti

Gli stemmi del Potenza

Le Ultime stagioni del Potenza S.C.

Potenza S.C.

Stagione 1978/79

Gran bel torneo per il Rende che vince a sorpresa, ma meritatamente, il girone con una squadra solida e ben assortita in cui spiccano elementi come lo stopper Ipsaro Passione (sarà protagonista con la maglia dell'Avellino in annate successive a questa) e il bomber De Brasi
Vai alla stagione

Reggiana - Potenza. I precedenti

Il Potenza va in trincea

ULTIMI ARTICOLI

Miglior attacco
Bari - Reggina 54
Vibonese 48
Catanzaro 41
Miglior difesa
Reggina 19
Monopoli 22
Potenza 23
Peggior Attacco
Rende 19
Bisceglie 21
Cavese 24
Peggior Difesa
Rieti 64
Rende 50
Sicula Leonzio 46

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy